SEZIONI NOTIZIE

Arcetana, Predelli: "Poche squadre hanno l'attacco più forte del nostro"

di Redazione NotiziarioCalcio.com
Vedi letture
Foto

Come ampiamente annunciato nei giorni scorsi, il prossimo fine settimana sarà privo di competizioni anche per l'Arcetana: seguendo l'ordinanza emessa dalla Regione, la Figc emiliano-romagnola ha infatti provveduto a sospendere e rinviare tutti gli eventi agonistici in programma nelle giornate fino al 1° marzo compreso. Per quanto riguarda l'Eccellenza, domenica i biancoverdi avrebbero dovuto affrontare in via Caraffa il Nibbiano Valtidone: il duello con i piacentini, valevole per il 25° turno, sarà quindi ricollocato in altra data ancora da destinarsi. 

Frattanto, in casa biancoverde si continua ad analizzare la sfida di domenica scorsa: come è noto i nostri beniamini hanno pagato dazio sul campo del Rolo (2-1), e quindi dovranno ancora aspettare per cogliere la prima vittoria del 2020. "Sono convinto che il risultato finale non rispecchi al meglio l'andamento della gara - commenta Eugenio Predelli, attaccante dell'Arcetana - Considerando la mole di gioco che siamo stati capaci di esprimere, avremmo davvero meritato di ottenere quantomeno un pari: ci siamo espressi in modo frizzante e propositivo contro una tra le squadre meglio attrezzate dell'Eccellenza, e non a caso eravamo persino riusciti a portarci in vantaggio grazie al gol di Bovi. A punirci sono stati i singoli episodi: un esempio lampante in tal senso sta nel rigore del momentaneo 1-1 rolese, nato da un intervento che forse è stato commesso appena fuori area. Comunque sia, nonostante la sconfitta, la nostra prova autorizza anche a trarre alcuni significativi spunti incoraggianti - afferma Predelli - Va infatti ricordato che noi provenivamo dalla batosta casalinga contro il San Felice, e non era affatto facile rialzare la testa dopo lo 0-4 che i modenesi ci hanno rifilato: tuttavia, a Rolo abbiamo mostrato tutt'altro tipo di atteggiamento e vivacità. Si tratta di un aspetto che fa davvero ben sperare: continuando a esprimerci sugli stessi livelli di domenica scorsa, credo proprio che per il ritorno alla vittoria non bisognerà affatto aspettare molto".

Il goleador di Sologno entra quindi nel merito delle principali caratteristiche che contraddistinguono quest'Arcetana: "Senza dubbio dobbiamo migliorare sul piano della gestione del risultato - sottolinea Predelli - Quattro giorni fa si è infatti ripetuto un copione già visto varie volte in questo campionato: ci portiamo avanti nel punteggio, ma poi purtroppo non riusciamo a vincere. D'altro canto, va pure detto che possiamo contare su tutti i mezzi che servono per poter correggere al meglio questo difetto: siamo infatti un gruppo solido e unito, che sta continuando a lavorare con notevole slancio sotto l'esperta guida di mister Paolo Vinceti. Siamo inoltre caratterizzati da uno spiccato potenziale offensivo, che ha ben pochi eguali all'interno del girone A: le cifre ci assegnano il 4° miglior attacco del raggruppamento, ed è una dote che bisognerà senza dubbio sfruttare al meglio in vista delle delicate sfide che ci attendono".

Salvo ulteriori variazioni di calendario, il prossimo impegno agonistico dell'Arcetana è fissato per domenica 8 marzo: nell'occasione, i biancoverdi saranno di scena nella difficile trasferta sul campo della Virtus Castelfranco. I nostri beniamini sono undicesimi in classifica, con 26 punti totalizzati in 24 partite: nonostante la prolungata assenza di vittorie, la formazione di Vinceti continua a stazionare fuori dalla zona play out. I modenesi sono invece noni a quota 33, e hanno disputato una gara in meno rispetto all'Arcetana. "Probabilmente, in tanti si aspettavano di vedere una Virtus Castelfranco in grado di lottare stabilmente per la serie D - commenta Eugenio Predelli - D'altro canto, la situazione di graduatoria dei biancogialli non deve affatto influenzare quella che è e sarà la nostra preparazione alla gara. Per capire le dinamiche della sfida, bisogna innanzitutto partire dal risultato della gara di andata: nell'ottobre scorso noi ci siamo imposti per 3-0, e quindi mi aspetto di trovare una Virtus caratterizzata da una fortissima volontà di rivincita. Peraltro, la formazione di mister Vincenzo Conte ha un organico ben assortito e decisamente competitivo in ogni zona del campo: difficile individuare un giocatore in particolare da tenere d'occhio più di altri, perchè la maggiore pericolosità dei biancogialli sta proprio nella forza del collettivo".

La Virtus Castelfranco è scesa in campo anche in questa settimana di stop dell'Eccellenza: i modenesi hanno infatti giocato in Toscana, per gli ottavi della fase nazionale di Coppa Italia. Ieri i padroni di casa del San Marco Avenza hanno avuto la meglio per 2-1, ma mercoledì prossimo ci sarà il ritorno a Castelfranco Emilia. "Il fatto che loro abbiano raggiunto il tabellone nazionale di Coppa la dice lunga sulle elevate potenzialità dei nostri prossimi avversari - rimarca Predelli - Inoltre, i biancogialli hanno senza dubbio la lucidità e l'esperienza necessarie per gestire al meglio le proprie energie: di conseguenza, sono convinto che contro di noi non saranno affatto stanchi. D'altro canto, va detto che durante questa sosta noi svuoteremo l'infermeria quasi per intero: l'unico dubbio in vista della trasferta d'oltre Secchia riguarda Dario Castrianni, ma tutto il resto della squadra dovrebbe essere regolarmente schierabile. Ovviamente, l'auspicio è quello di poter contare sul rientro di Castrianni quanto prima: lui rappresenta infatti un giocatore di alto livello per la categoria, che di certo ha un ruolo di primo piano all'interno del nostro assetto difensivo".

A livello personale, fin qui il bilancio di Eugenio Predelli si presenta decisamente positivo: "Ho già messo a segno 10 gol e non mi posso affatto lamentare, specie considerando che io sono un debuttante a livello di Eccellenza. Qui ad Arceto, ognuno di noi ha tutto ciò che serve per esprimersi al meglio. La salvezza diretta è e resta un obiettivo difficile da raggiungere, ma sicuramente alla nostra piena portata: da qui in avanti, la mia precisa aspirazione è senz'altro quella di continuare a fornire un fattivo contributo in tal senso".

Altre notizie
Giovedì 9 Aprile 2020
07:30 Serie D Vigor Carpaneto, Lischetti: "Vi spiego come ci alleniamo insieme" 07:00 Eccellenza Arcetana, l'accusa di Greco: "Non si parla della tutela di atleti e addetti ai lavori"
Mercoledì 8 Aprile 2020
23:30 Serie D Gravina, Bozzi: "Belle vittorie con Foggia e Taranto, ma dovevamo confermarci" 23:00 Serie C Ancora Galliani: "Chi sta per retrocedere non vuole tornare in campo" 22:30 Serie D Cerignola, capitan Dicecco: "Giocare sarebbe il giusto atteggiamento per..." 22:00 Serie D Tolentino, l'idea di Romagnoli: "Contributo una tantum e allargare il plafond della legge 398" 21:30 Serie D Nardò, il presidente Donadei: "Forzare i campionati sarebbe un dramma" 21:00 Serie D Foggia, Carboni: "Fondamentali i sei punti con Cerignola e Taranto" 20:30 Serie C Alessandria, il presidente Di Masi: "Solo 5-6 squadre pagano mensilmente..." 20:00 Serie D Vastese, mister Silva: "Dopo mesi di sacrifici è impensabile annullare tutto" 19:30 Serie D Taranto, Avvantaggiato: "Panarelli ci dà la formazione 10 minuti prima della partita..." 19:15 Altre news Tifosi preoccupati e contagi in aumento, ma in Bielorussia si continua a giocare 19:00 Serie C Monza, Galliani all'attacco: "Non accetteremo mai di restare in C" 18:30 Serie D Palermo, Petrucci: "Le bici? Non l'ideale. Ci vorrebbero tre settimane per..." 18:00 Serie D FC Messina, Arena: "Matematicamente potevamo ancora vincere il campionato" 17:30 Serie D Brindisi, D'Ancora: "Viviamo di calcio, sacrificherei l'estate per giocare" 17:25 Serie D Il presidente Sibilia: "Congelamento degli under? Riflessione doverosa" 17:00 Serie D Matelica, mister Colavitto tuona: "Non c'è nulla di regolare!" 16:30 Serie D Ieri lunga conferenza e accordo tra Lega Pro, Aic ed Aiac 16:00 Serie D L'avvocato Chiacchio: "Non so come, ma le prime di D saranno in C l'anno prossimo"