Turris, il ds Governucci: "Test convincente con la Gelbison, Improta sarà l'arma in più. Contro il Pomiglianio..."

di Giovanni Pisano
Fonte: tuttoturris
articolo letto 164 volte
Foto

Una domenica "tranquilla" per la Turris, che ha beneficiato della sosta del campionato per ricaricare le pile, in vista del derby salvezza col Pomigliano. Una gara che può valere tantissimo nel discorso salvezza, come sottolineato dal ds corallino Antonio Governucci: "Proprio perché la gara di domenica è troppo importante per noi, abbiamo deciso di mantenere alta la tensione optando per l'amichevole con la Gelbison. Un test attendibile, visto il valore comunque buono di un avversario che si sta ben disimpegnando nel girone I, che la Turris ha affrontato e battuto in modo convincente. A mio parere infatti anche sabato la squadra ha dimostrato di aver acquisito una certa mentalità, avendo raggiunto la consapevolezza che in questa fase della stagione bisogna essere cinici e cattivi".

Non poteva passare inosservato il gol di Giancarlo Improta, ultimo acquisto della Turris, sul quale il ds biancorosso crede fermamente: "Credo che Giancarlo sia quasi pronto per essere totalmente disponibile agli ordini del mister. In campo si è mosso bene e va sottolineato anche l'ottimo lavoro svolto dal prof. Baracchi, che lo sta rimettendo in forma in tempi celeri. Sono sempre stato convinto della sua utilità sia per le doti tecniche che umane. Credo proprio che sarà l'arma in più per la Turris in questo rush finale".

Domenica prossima sarà anche l'occasione per il debutto della nuova maglia, che potrebbe essere il preludio anche al lancio del marketing corallino: "Una divisa disegnata con l'obiettivo di riprodurre i valori di Torre del Greco, città dei fiori e del corallo. Spero che tale iniziativa sia gradita alla piazza e che venga onorata dalla squadra con un grande risultato".

Rimandato invece ogni discorso sul futuro: "Ringrazio Primicile per le belle parole nei miei riguardi. Sicuramente il presidente ha dimostrato di voler fare grandi cose per Torre del Greco, ma ora il mio unico obiettivo è il presente, perché c'è ancora una salvezza da portare a casa. Prima ci riusciamo e prima si potrà programmare la prossima stagione. Per quello che mi riguarda, gli attestati di stima della società mi inorgogliscono enormemente. Qualora dovessi essere riconfermato, sicuramente cercherò di farmi trovare pronto e all'altezza dell'incarico conferitomi".     


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI