SEZIONI NOTIZIE

Sibilia preoccupato: "Ad oggi non sappiamo quando si può tornare in campo"

di Redazione NotiziarioCalcio.com
Vedi letture
Foto

“Ripartire dopo il lockdown è l’obiettivo di tutti. Anche del calcio dilettantistico - spiega il presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia - Ma ad oggi, nonostante il nostro impegno con contributi, agevolazioni, date e scadenze fissate, non vi è alcuna certezza sulla partenza delle attività. Dopo il protocollo FIGC per la ripresa e per gli allenamenti del 5 giugno scorso, nonostante i nostri solleciti nelle sedi opportune, non c’è al momento alcuna indicazione ufficiale per lo svolgimento di gare e campionati. Ci sono 12mila società e oltre 1 milione di calciatori e calciatrici che attendono con impazienza di sapere se alla fine dell’estate si riprenderà a giocare e in che modo”.

È questo l’interrogativo che pone Sibilia, facendosi portavoce della preoccupazione del gigantesco movimento della Lega Nazionale Dilettanti, di fatto la più grande comunità sportiva d’Italia e anche d’Europa. “Noi siamo il calcio genuino, quello del campanile e delle piccole imprese locali - prosegue il numero uno dei Dilettanti - quello che contempla il gioco a 11, il calcio femminile, il futsal e il beach soccer, quello dei camp estivi e delle sagre: insomma, quello messo già abbastanza a dura prova dall’emergenza sanitaria e che vuole, con tutte le sue forze, provare a ricominciare”.

La Lega Nazionale Dilettanti ha da tempo sollevato il problema attraverso i suoi organismi centrali e periferici con diverse iniziative. “Qui rischiamo di vanificare tutti gli sforzi compiuti per contenere l’emorragia di società e per mettere in sicurezza la stagione 2020-2021 - sottolinea Sibilia - mentre assistiamo al paradosso per cui lo sport amatoriale è ripreso, con la responsabilità demandata alle regioni, e il calcio dilettantistico non sa come e quando ripartire. Serve un protocollo sanitario adeguato e che si arrivi rapidamente ad una soluzione. Ripeto: proseguire con questa incertezza produrrà danni incalcolabili al nostro movimento che non merita di vedere mortificati i sacrifici fatti per assicurare la ripresa delle attività. Lo trovo profondamente ingiusto”.

Altre notizie
Sabato 15 agosto 2020
22:00 Serie D Serie D 2020-2021: gli allenatori delle squadre al via. Dodici panchine libere 21:30 Calciomercato Le manovre di mercato del Gravina: dagli arrivi passa il bel gioco 21:00 Transfer market Live Champions League: Manchester City-Olympique Lione è in DIRETTA! 20:30 Serie D La leggenda Mair ed il Trento. Giacca: “A lui la curva del Briamasco" 20:00 Serie D Ripescaggi in serie D: cosa è cambiato per le società di Eccellenza 19:30 Serie D Arzachena, si parte: al via la stagione 2020-2021 col precampionato 19:00 Serie D Esclusero dei bambini dalla categoira Pucini: la Corte Federale ribalta il TFT 18:30 Serie D Puteolana, ancora un 2003 per la Juniores 18:00 Serie D LND: in via sperimentale, novità per le riserve in questa stagione 17:30 Serie C Avellino, è fatta per l'arrivo di un difensore. L'agente: «Braglia lo conosce bene» 17:00 Serie D Finamente ci siamo: tra poco più di un mese scenderà in campo la serie D 16:30 Serie D Sanremese, terminata la prima settimana di lavoro 16:00 Serie D Serie D, al momento 41 squadre del sud: cinque fuori dai gironi H ed I 15:30 Serie B UFFICIALE: L'esperto difensore Sirignano ha firmato con la Paganese 15:00 Serie D Sarà la novità assoluta della stagione 2020-2021 per i Dilettanti 14:30 Calciomercato UFFICIALE: Lentigione, c'è un 2002 promosso dalla Juniores 14:00 Serie D Esultano i dilettanti: via libera alla presenza del pubblico 13:30 Serie C Vis Pesaro, Varriale: "Onorato di essere ancora qui" 13:00 Serie D Serie D, le società più "costanti": il Nardò è la prima tra del meridione 12:30 Serie D Biancavilla, annunciato il nuovo vice-presidente Diolosà