Recanatese, Lunardini: "Cesena partita difficile ma ogni gara ha storia a se"

di Nicolas Lopez
Fonte: tuttocesena.it
Vedi letture
Foto

Il Cesena va a Recanati in cerca della rivincita dopo il ko dell’andata, ma sulla sua strada trova Francesco Lunardini che ha già collezionato un prezioso scalpo bianconero dieci anni fa.

Lunardini, che partita si aspetta contro il Cesena?
“Sicuramente sarà una partita molto difficile, la classifica dice che sono i più forti. A prescindere dal risultato dell’andata che dobbiamo dimenticare, è necessario essere consapevoli che ogni partita ha una storia a sé. Al Manuzzi l’impresa ci è riuscita a pennello ma questa gara di ritorno resta molto complicata”

Ci parli del suo rapporto con Cesena e dei derby giocati con la casacca del Rimini.
“Cesena è la città che mi ha dato i natali, ma io sono originario di Rimini e lì ho sempre vissuto. La partita assume per me un sapore particolare dati i miei trascorsi in biancorosso sia nelle giovanili che in prima squadra. Riguardo ai derby, ricordo sicuramente l’ultimo che ho giocato, nella stagione 2007-2008. Al Manuzzi andammo in svantaggio per il gol di Biasi ma la ribaltammo nel finale grazie a Greco e Ricchiuti. Fu una vittoria formidabile che è ancora limpida nella memoria dei tifosi. Ma non si può vivere solo di ricordi quindi ho tanta voglia di fare una bella partita anche domenica con la Recanatese”

Cosa ci può dire del Matelica, in cui ha militato di recente?
“Sia io che il nostro bomber Manuel Pera siamo stati a Matelica in una stagione molto particolare. Ogni anno costruiscono una corazzata per vincere il campionato e in quell’occasione non ci riuscimmo. Il presidente è molto ambizioso e forse negli anni si è pagato il troppo nervosismo in seguito alle sconfitte. Da fuori mi pare che abbiano fatto tesoro di questi errori giovandone in continuità. Credo che senza il Cesena sarebbe stato l’anno buono per loro. E anche se la vittoria è indirizzata verso la Romagna nulla è ancora scritto. Non molleranno e continueranno a crederci grazie alla serenità che hanno finalmente trovato”