Latte Dolce, Garau: "Continuiamo a divertirci..."

di Anna Laura Giannini
Fonte: la nuova sardegna
articolo letto 102 volte
Foto

Assorbita la delusione per la sconfitta interna col capolista Lanusei, costata con tutta probabilità il sogno del primato che ora è distante 9 lunghezze, il Latte Dolce prepara la prossima gara in trasferta.

La settimana di sosta è stata salutare per un gruppo protagonista di una corsa sfrenata, che lo ha portato tanto in alto da sfiorare la vetta della classifica. C'era necessità di recuperare energie, fisiche e mentali, per ripresentarsi carichi e in forma per la parte finale di una stagione memorabile, comunque andrà. Domenica si riparte sul campo del Flaminia, per la prima delle otto partite che restano da giocare, e sognare non solo non è vietato ma a questo punto è doveroso per una squadra che non intende mollare e deve difendere il meritato piazzamento playoff. Il progetto biancoceleste ha preso corpo, si è consolidato con buonissimi risultati e adesso deve andare avanti, senza calcoli legati ai punti da conquistare e senza ruolini di marcia predefiniti.

Lo conferma l’esperto portiere Pierpaolo Garau, colonna portante dello spogliatoio sassarese: «Siamo un gruppo unito e orgoglioso. E non ci piace perdere. Ma si impara anche dalle sconfitte, sono un’opportunità per crescere e per questo dobbiamo ripartire dalla voglia messa nella gara con il Lanusei, con la consapevolezza che stiamo disputando un grande campionato di serie D. Un consiglio da dare ai compagni per l’ultimo tratto di strada? Continuare a divertirsi provando a infilare altri risultati importanti, senza sentirsi mai appagati». Lo ha puntualizzato anche il presidente Fresu nei giorni scorsi: la squadra non deve ritenersi già sazia, con l'invito a proseguire con la stessa determinazione e voglia di far bene. «Siamo soddisfatti – afferma il portiere – perché abbiamo lavorato duro e i sacrifici fatti sono stati ripagati, ma non è il momento di rallentare. Ci sono altri 24 punti a disposizione e in classifica ogni discorso resta aperto. Non facciamo calcoli, andiamo avanti senza timori e con lo stesso entusiasmo di sempre». La prova più imminente è quella da dare nella tana del Flaminia, squadra coinvolta nella zona retrocessione che ha dalla sua il fattore campo e grandi motivazioni. «Sarà una partita difficile – commenta Garau – su un campo in cui sono inciampati in tanti. Noi però non possiamo sbagliare, vogliamo ripartire col piede giusto e non ci faremo trovare impreparati».


Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy