La VirtusVecomp Verona ricorre contro FIGC, Arzignano Valchiampo e Daniele Antonio Forte

di Giovanni Pisano
articolo letto 345 volte
Foto

Il Collegio di Garanzia dello Sport ha ricevuto un ricorso presentato dalla società S.S.D.A.R.L. VirtusVecomp Verona contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio (F.I.G.C.), la ASD Arzignano Valchiampo, nonché nei confronti di Daniele Antonio Forte, per l'impugnazione della decisione della Corte Federale d'Appello FIGC, di cui al C.U. n. 75/CFA del 15 gennaio 2018, con la quale é stato dichiarato inammissibile il reclamo interposto dalla società ricorrente avverso la decisione del Tribunale Federale Nazionale - Sezione Tesseramenti, di cui al C.U. n. 9/TFN del 6 novembre 2017, che ha dichiarato valido il tesseramento del calciatore Daniele Antonio Forte per la ASD Arzignano Valchiampo.

La ricorrente VirtusVecomp Verona chiede al Collegio di Garanzia:

- in via principale, di annullare/revocare la decisione impugnata, nonché ogni pronuncia presupposta e/o connessa, rinviando il procedimento alla Corte Federale FIGC per l'esame del merito, con indicazione dei principi di diritto da applicare nel senso descritto in motivazione;

- in via subordinata, di annullare/revocare la decisione impugnata, nonché ogni pronuncia presupposta e/o connessa, e, per l'effetto, di annullare/revocare la decisione del Tribunale Federale Nazionale - Sezione Tesseramenti - e, conseguentemente, di dichiarare nullo e/o invalido il tesseramento del calciatore Daniele Antonio Forte per la ASD Arzignano Valchiampo.


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI