La Pergolettese batte il Ciliverghe e da una spallata al Modena

di Francesco Vigliotti
Vedi letture
Foto

La Pergolettese aveva a disposizione un jolly da giocare, e non si è lasciata scappare la ghiotta occasione per dare una spallata al Modena inseguitrice, riportando a più sei il vantaggio in testa alla classifica.

I timori e le preoccupazioni espresse alla vigilia dallo staff tecnico, si sono rivelati veritieri, tanto che in campo, nei primi 25 minuti, sono stati i bresciani ospiti a farsi apprezzare maggiormente per dinamismo, pressing e pericolosità, soprattutto nelle conclusioni dalla distanza, palesando in campo il buon momento di forma. Colpiti a freddo dopo soli 45 secondi dal via, con un gran gol di Mauri da fuori area, col pallone a spiovere che si è insaccato all’incrocio, i gialloblu di casa hanno faticato a ritrovare le solite trame di gioco, andando a incocciare spesso contro l’arcigna fase difensiva dei bresciani, che, bloccando le vie laterali, non hanno permesso a Cazzamalli e compagni di poter sviluppare le solite trame offensive, non riuscendo mai a rendersi pericolosi.  Eppure l’occasione per pervenire subito al pareggio è capitata all’8’ con un calcio di punizione di Franchi da fuori area, con il pallone che ha incocciato il palo a portiere battuto. Dopo un paio di tentativi del Ciliverghe con calci da fuori area di Guerci e Mauri, respinti da Stucchi, il pareggio alla mezz’ora, grazie a un calcio di rigore trasformato da Bortoluz, decretato per un atterramento in area di Russo, azione innescata da un errore difensivo del Ciliverghe. Galvanizzata dal pareggio raggiunto, la Pergolettese, nei quindici minuti finali, ha imperversato nella metà campo ospite, attaccando con intensità, trovando finalmente sbocco sulle corsie laterali, soprattutto quella di destra con la coppia Villa - Russo che ha macinato azioni su azioni. Il sospirato gol del vantaggio al 46’ con la “littorina” Villa, pronto a ribadire in rete un pallone respinto dal portiere Viotti, dopo una conclusione ravvicinata di Russo. In vantaggio per due reti a una, la ripresa è stata poi amministrata con esperienza e autorità da tutta la squadra di casa. I tentativi del Ciliverghe di provare a impensierire la difesa di casa, non hanno mai trovato nessun sbocco in avanti, tanto che Stucchi ha solo dovuto impegnarsi in qualche parta su cross alti. Di contro ogni ripartenza dei cremaschi, arrivava sempre con pericolosità nell’area avversaria, con un Manzoni a orchestrare il gioco a metà campo e Franchi che ha dato il là a tutte le azioni d’attacco. Testimone ne è stato il terzo gol di Russo, servito da un assist al bacio da Franchi, la punta esterna gialloblu presentatosi davanti a Viotti lo ha infilato senza pietà. I numerosi cambi effettuati dalla panchina di casa (tutti e 5 quelli a disposizione) non hanno mai diminuito la qualità del gioco, dimostrando di avere una panchina all’altezza, per poi arrivare al quarto gol con il neo entrato Gullit all’87’, con un potente tiro sotto la traversa. Al fischio di chiusura gran festa sugli spalti (nonostante la giornata feriale e l’orario ben 600 gli spettatori presenti al Voltini), entusiasmo per la brillante vittoria, ma testa già alla imminente lunga trasferta contro il fanalino Classe, reduce dall’aver appena espugnato il “Braglia” di Modena. Poi si penserà al derby cittadino.

Pergolettese-Ciliverghe 4-1

Pergolettese:
Stucchi, Fanti, Villa, Schiavini (40'pt Manzoni), Fabbro(38'st Bakayoko), Lucenti, Muchetti, Cazzamalli, Bortoluz(30'st Gullit), Franchi (38'st Bitihene), Russo(45'st Sofia).
A disp. Chiovenda, Manfroni, Piras, Morello.
All. Albertini Fiorenzo

Ciliverghe: Viotti, Lirli, Cortinovis, Guerci (39'st Del Bar), Andriani, Minelli, Sane (26'st Careccia), Vignali, Pasotti (39'st Pizzocolo), Mauri, Comotti(22'st Zecchinato). A disp. Valtorta, Sanni, Bonometti, Sola, Aloia,. All. Carobbio Filippo
Arbitro: sig. Bracaccini Emanuele della sez. di Macerata
Reti: 1' Mauri, 39' Bortoluz su rig., 46' Villa; s.t.24' Russo, 42' Gullit
Note: Giornata soleggiata, terreno in buone condizioni,angoli 4-4, rec. 4'+4', spett. 600. Espulso al 38' del s.t. l'allenatore Carobbio per proteste. Ammoniti: Fabbro, Lirl, Pasotti