Dal Brasile la storia del calciatore fake Denis Vieri

di Ermanno Marino
articolo letto 385 volte
Foto

Davvero incredibile la storia riportata da FoxSport che arriva dal Brasile: un nuovo calciatore fake che incredibilmente è riuscito a fare carriera pur non essendo un vero atleta.

Si è finto un ex calciatore di PSV e Shakhtar per ottenere un contratto con il Força e Luz, ma dopo la firma ha fatto perdere le sue tracce.

Denis Vieira da Silva, in arte Denis Vieri, è soltanto l'ultimo giocatore fake apparso nelle cronache calcistiche. In passato sono diventati famosi i vari Ali Dia, Derwin Martina e Carlos Henrique Raposo: da oggi, in questa lista ci sarà anche lui, essendo riuscito a firmare con il Força e Luz dopo essersi spacciato per un calciatore di livello internazionale.

Una storia surreale, quella che vi racconteremo in queste righe, che inizia il 2 febbraio scorso, quando il piccolo club brasiliano, ultimo in classifica nel Campionato Potiguar (il torneo dello stato brasiliano di Rio Grande do Norte), comunica l'acquisto di un calciatore “con una grande fame di vittorie e un curriculum da vincente”. Denis Vieri, appunto.

Per la società è in effetti un colpo da novanta. I giornali locali parlano di un giocatore cresciuto nel Cruzeiro, ex tra le altre di Santos, Vasco da Gama, PSV Eindhoven e Shakhtar Donetsk, ritrovatosi in terza divisione, al Deportivo Minas Gerais, poiché reduce da un periodo di depressione conseguente all'assassinio dei suoi genitori. Il suo profilo Instagram, nel quale si può vedere anche un selfie scattato assieme a Ronaldinho, sembra confermarlo. Vengono riportate anche le prime dichiarazioni: "Ringrazio il presidente Ranilson. Voglio che il mio nome rimanga nella storia di questa squadra".

Dopo la firma con il Força e Luz, però, qualcuno si accorge che non c'è nessun giocatore con quelle esperienze. L'ipotesi truffa viene confermata da quello scatto social: affianco a Denis Vieri non c'è Ronaldino, bensì un sosia. E al momento delle spiegazioni, il presunto calciatore sparisce facendo perdere le sue tracce.

Ad oggi, il truffatore è ancora irraggiungibile. Del caso si è interessata addirittura la polizia civile di Rio Grande do Norte, chiamata in causa, oltre che dal Força e Luz, anche da quattro giovani calciatori (Melquisedeque Carlos, Hélio Cyrus, Wesley Henrique e Jefferson Lima) che Denis Vieri aveva portato con sé al momento della firma, con la promessa di strappare un contratto anche per loro in cambio di circa 2000 real a testa.

Ma come è stato possibile ingannare tutti in questo modo? Il 34enne ha pensato proprio a tutto, postando anche dei video che lo ritraevano sui campi di gioco. Il problema è che il calciatore ripreso dalle telecamere fosse in realtà Denis Oliveira, calciatore ritiratosi nel 2013 dopo aver giocato nel Santos e nel Corinthians.


Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI