Bel gesto della Virtus Bergamo: divise in Madagascar per la Missione di Padre Colombi

di Massimo Poerio
Fonte: virtus bergamo 1909
articolo letto 167 volte
Foto

Un gesto natalizio che riempie il cuore e ci fa capire quanto siamo fortunati pensando a quello che abbiamo. Tute, magliette da gioco e di rappresentanza targate Virtus Bergamo sono state mandate a Padre Gianluigi Colombi, Presidente Onorario della Unicosole Onlus, impegnata per lo sviluppo del sud del mondo ed in particolare del Madagascar attraverso il sostegno alla scolarizzazione, la formazione e l’avviamento al lavoro di ragazzi. Nel corso delle feste natalizie il materiale bianconero è stato consegnato nel carcere di Ihosy. Padre Gianluigi Colombi ci ha mandato il suo commuovente ringraziamento. “Carissimi dirigenti ed amici sportivi Grazie di cuore della vostra profonda testimonianza e del concreto dono, attraverso le divise sportive, condivise con tanti poveri ragazzi, carcerati, e diseredati in Madagascar. Sempre in alto i nostri cuori nel fare il bene in semplicità ed umiltà di cuore. Vi invio alcune foto inviatemi da Ihosy in Madagascar. Il giorno di Natale Aina con la mamma e la sorella hanno distribuito viveri, magliette di calcio e palloni nel carcere di Ihosy, anticamera dell’inferno dantesco della Divina Commedia. Ha iniziato la mamma di Aina con una preghiera di fronte al piccolo presepio che avevano allestito. Si sono subito susseguite le varie corali dei carcerati con i loro canti natalizi. In seguito il portavoce dei carcerati ha desiderato ringraziare tutti noi, che pur lontani cioè oltre il mare (Andafy), non ci siamo dimenticati di loro. Con rammarico faceva osservare che in queste feste di Natale nessuna associazione o chiesa di Ihosy si era ricordata di loro. La crisi di cibo e la fame è grande. In Madagascar il 48% dei bambini al di sotto dei 5 anni di età è malnutrito ed alla sera va a letto con lo stomaco mezzo vuoto. Nella regione di Ihosy ed in tutto il sud del Madagascar è piovuto pochissimo e non hanno ancora potuto iniziare le coltivazioni di riso ed altri cereali. Sono preoccupati perché la stagione delle coltivazioni è già oltre la metà e rimane solo il mese di gennaio e metà febbraio in cui possono coltivare i prodotti agricoli, sempre se pioverà. In seguito hanno distribuito viveri, magliette di calcio ed alcuni palloni ai carcerati. Grazie di cuore a tutti voi che i questi giorni vi siete ricordati di chi sta molto peggio di tutti noi. Un grandissimo saluto ed abbraccio con i miei più bei auguri di un nuovo anno di pace e serenità per tutti gli uomini che Dio ama.


Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy